in

Anziana di 92 anni sopravvissuta all’olocausto brutalmente aggredita sul bus

Canada: anziana sopravvissuta all’olocausto picchiata da un uomo su un bus
Hanka Fogelman, una donna di Montreal di 92 anni, è stata brutalmente picchiata da un uomo a bordo di un minivan che la stava conducendo a casa della figlia. La donna è scampata all’Olocausto e tutta la sua famiglia venne giustiziata dai nazisti.

Un’anziana sopravvissuta all’Olocausto è stata brutalmente picchiata in un mezzo di trasporto pubblico. Hanka Fogelman, una donna di Montreal di 92 anni, due mesi fa aveva richiesto un passaggio per andare a fare una visita a sua figlia: un minivan della Société de transport de Montréal (STM) era andato a recuperarla nella sua abitazione, e al suo interno l’anziana aveva trovato altre due persone, una donna e un uomo.

Canada: anziana sopravvissuta all’olocausto picchiata da un uomo su un bus
Hanka Fogelman, una donna di Montreal di 92 anni, è stata brutalmente picchiata da un uomo a bordo di un minivan che la stava conducendo a casa della figlia. La donna è scampata all’Olocausto e tutta la sua famiglia venne giustiziata dai nazisti.

Un’anziana sopravvissuta all’Olocausto è stata brutalmente picchiata in un mezzo di trasporto pubblico. Hanka Fogelman, una donna di Montreal di 92 anni, due mesi fa aveva richiesto un passaggio per andare a fare una visita a sua figlia: un minivan della Société de transport de Montréal (STM) era andato a recuperarla nella sua abitazione, e al suo interno l’anziana aveva trovato altre due persone, una donna e un uomo.

Sarebbe stato quest’ultimo – stando a quanto spiega il New York Post – ad aggredire la novantaduenne per futili motivi. L’anziana è stata ripetutamente colpita al volto e solo l’intervento dell’autista ha scongiurato conseguenze che, vista la sua età, avrebbero potuto essere ben più gravi. Il conducente ha raccontato: “L’aggressore ha picchiato quella donna senza nessuna ragione. Lei era in silenzio e stava facendo un cruciverba”. A quanto pare l’uomo che ha colpito la signora Fogelman soffrirebbe di una grave forma di disabilità psichica.

La notizia dell’aggressione alla donna ha suscitato profonda indignazione: oltre alla comprensibile rabbia per un atto violento nei confronti di una novantaduenne indifesa, infatti, è stata la storia di Fogelman a destare commozione. Quando aveva appena 13 anni, infatti, la donna viveva in Polonia e la sua città venne invasa dai nazisti: di famiglia ebrea, fu rinchiusa in un campo di concentramento e tutta la sua famiglia venne giustiziata.

Hanka Fogelman riuscì a sopravvivere all’orrore dell’olocausto me venne obbligata a lavorare in una fabbrica dove si cucivano uniformi per i soldati tedeschi e divise per i detenuti dei campi di sterminio di Auschwitz-Birkenau e Bergen-Belsen. La donna venne liberata solo nell’aprile del 1945, a pochi giorni dal suo diciannovesimo compleanno: pochi mesi dopo emigrò in Svezia quindi si trasferì in Canada.