Ex ballerino di Amici confessa il delitto su Fb: “L’ho fatto per amore”. Arriva la condanna per omicidio

Ex ballerino della trasmissione di Canale 5 Amici Di Maria De Filippi è stato condannato a 20 anni di carcere. Si tratta di un ex ballerino del programma condannato a 20 anni di carcere per omicidio. Ex ballerino di Amici condannato a 20 anni di carcere.

Il 19 agosto del 2016 venne trovato senza vita, nel suo appartamento a New York, Bernardo Almonte di 27 anni. Il giovane ragazzo fu trovato dalla polizia a testa in giù privo di sensi e con un grave trauma cranico. Bernardo Almonte fu trasportato subito in ospedale ma i tentativi di rianimarlo si rivelarono vani. Le equipe medica non poté fare altro che constatarne il decesso. Marcus Bellamy, è stato condannato a scontare ben 20 anni di carcere.

Nessuno si sarebbe mai potuto aspettare che un ex-ballerino professionista di un programma celebre come Amici potesse diventare un assassino. Purtroppo, l’ex-ballerino del corpo di ballo del noto talent, Marcus Bellamy, nell’agosto del lontano 2016 aveva ucciso il suo ragazzo per strangolamento.

A seguito del delitto compiuto, Marcus si era pronunciato online rilasciando alcune inquietanti dichiarazioni. “Perdonatemi. L’ ho fatto perché vi amo. Vi amo tutti. Amavo anche lui. Mi ha detto che l’amore e l’odio sono la stessa emozione. Perdonatemi. Non so quello che faccio. L’ ho fatto per amore. Per Dio. In cielo.

Voglio scusarmi con la famiglia. Bernardo era molto speciale e non meritava quello che gli è successo. Mi avete chiesto perché. Vostro figlio ed io fumavamo insieme un sacco di crystal meth. Io pensavo che vostro figlio fosse il diavolo. Non volevo fare quello che ho fatto. Voglio chiarire questo. Ho adorato Bernardo. Mi ha portato fuori dalla mia depressione. Non volevo distruggere qualcuno”, aveva detto.

Bellamy era tornato già da molto tempo negli Stati Uniti ed era legato ad Almonte da una lunga relazione. Nell’agosto 2016, il ballerino fu arrestato con l’accusa di aver strangolato a morte il fidanzato, per poi confessare il delitto a un vicino di casa, che avrebbe chiamato la polizia. Il dettaglio più agghiacciante è però un altro: Bellamy ammise l’omicidio anche con un messaggio piuttosto delirante pubblicato su Facebook.