in

La popolazione è in lacrime per la caduta del carro di 25 metri

Impressionanti immagini della caduta del carro a Fontanarosa. Popolazione in lacrime. E’ questo il totlo della pagina Facebook IrpiniaNews che per prima ha pubblicato il video. Alla fine dell’articolo troverete il filmato intero.

Il 14 agosto, giorno che è stato funestato dalla tragedia del ponte crollato a Genova, c’è stato un altro ‘crollo’, seppur senza conseguenze. Ci sono stati comunque paura e panico quando nel comune irpino di Fontanarosa, provincia di Avellino, un obelisco di paglia alto 25 metri è caduto e si è piegato pericolosamente durante la processione religiosa.

La tradizionale ‘tirata’ dell’obelisco di paglia è un evento importante nella comunità di Fontarosa, e inaugura la stagione dei carri. Quest’anno tutta la preparazione si è svolta come di consueto, ma durante il passaggio qualcosa è andato storto. Infatti il carro con la statua della Madonna posizionata in cima si è improvvisamente piegato in due.

Pare che l’incidente sia stato causato da una manovra errata dei trasportatori, dicono i carabinieri. L’obelisco si è quasi spezzato adagiandosi sul tetto di un palazzo, e fortunatamente non ci sono stati danni alle persone, visto che sotto di esso c’era una certa calca. Un po’ di panico iniziale non ha messo in pericolo chi era nei pressi, nonostante l’assembramento notevole di partecipanti alla manifestazione. A rimuovere l’obelisco dopo qualche ora sono stati i vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza la zona interessata dall’incidente con la proverbiale precisione e solerzia.

Il rispetto della normativa sulla sicurezza nelle manifestazioni pubbliche non deve essere sottovalutata“, ha detto Claudia Campobasso, dirigente responsabile della Protezione Civile della Regione Campania. Infatti sembra che nell’incidente i manovratori non abbiano prestato la dovuta attenzione ai pesi che erano in ballo.

Per molti, nel paese di Fontanarosa, il dramma comincia ora. Alcuni cittadini ricordano che la caduta del carro è segnale di un cattivo presagio. I più anziani ricordano terremoti e carestie nei casi, piuttosto rari, nei quali il carro non è riuscito a raggiungere la chiesa integro. Secondo la tradizione locale il carro viene realizzato per la Madonna della Misericordia, in segno di ringraziamento per il raccolto nei campi.