in

L’amica geniale, la serie tv arriva su Rai 1: cosa sapere se non hai letto i libri

L’amica geniale sta per arrivare (finalmente) anche da noi. Dal 27 novembre, la serie di Saverio Costanzo tratta dal primo libro della quadrilogia di Elena Ferrante andrà in onda su Raiuno e Timvision (in 4K anche su TivùSat).

Dopo il successo alla Mostra del Cinema di Venezia e la messa in onda negli Stati Uniti,la storia d’amicizia tra Lila (Ludovica Nasti da bambina e Gaia Girace da adolescente) ed Elena (Elisa Del Genio e Margherita Mazzucco) è pronta a emozionare anche il pubblico italiano.

I best-seller hanno già fatto la loro parte e ora a rinsaldare la «Ferrante Fever» tocca a questa fiction – coprodotta da Hbo, Rai Fiction e Timvision, prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani per Wildside e da Domenico Procacci per Fandango – e alle protagoniste che ci portano per le strade di un quartiere povero di Napoli degli anni Cinquanta, tra la polvere e le urla dei loro genitori, i meccanismi mafiosi detenuti dal boss del rione e l’amore per la letteratura.

Un’amicizia tra due bambine diverse per colore (la mora Lila e la bionda Elena) e carattere: Lila è impulsiva e combattiva; Elena è meditativa e introversa, «all’apparenza sembra debole, invece è piena di coraggio», la descriva la piccola interprete Elisa, nella vita molto più timida e riservata della compagna di set Ludovica, che ha già un sogno nel cassetto:

«Diventare come Sophia Loren – ci confessa– siamo entrambe di Pozzuoli, mio nonno mi raccontava spesso che le affittava le barche. Un giorno mi piacerebbe conoscerla». Le idee sono molto chiare, anche a proposito del suo personaggio: «Mi piace la forza e la testardaggine di Lila, anche se a volte sembra un po’ cattiva». L’amica geniale è un romanzo di formazione e riscatto, che segue il percorso di due donne che corrono più veloci del loro tempo verso un mondo nuovo, che ambiscono alla libertà lottando contro i pregiudizi, le falle della società, la famiglia e gli uomini.

Un viaggio in un rione di Napoli rappresentativo di un universo molto più ampio in cui si sommano tensioni e cambiamenti sociali. E le donne sono il magma incandescente di questo cambiamento. «Mi è piaciuto entrare nelle mente di Elena – ci dice Margherita Mazzucco, fan di Julia Roberts e Meryl Streep – e farmi trasportare dal suo mondo». «È straordinario il legame tra Elena e Lila e il modo in cui si compensano», aggiunge la riservata Gaia, che un giorno sogna di imparare l’inglese e trasferirsi in California, mentre Margherita vorrebbe viaggiare. Meta preferita?«L’Asia». Chissà se L’amica geniale porterà un po’ di fortuna a tutte e quattro.