L’amore non si implora, l’amicizia non si pretende, l’affetto non si mendica

Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’amore non si implora, l’amicizia non si pretende, l’affetto non si mendica, ma spesso non è così.

Ci sono cose che non hanno bisogno di troppi ragionamenti, di troppo tempo per essere capite e, di conseguenza, vissute con la naturalezza e l’immediatezza che meritano.

Come l’amore anche l’amicizia rientra tra queste. Ancor più che in un rapporto di coppia in un vero rapporto di amicizia non dovrebbe esistere il rincorrere, il farsi desiderare, il concedersi con il contagocce.

Quando, in un rapporto di amicizia, le attenzioni, la telefonata, l’invio di un messaggio sono sempre a carico di una delle due persone, significa che qualcosa si é inceppato.

Che qualcosa si é rotto, minato alla base.L’affetto non deve mai essere elemosinato, la parola di conforto non deve essere negata e la presenza, soprattutto nei momenti critici, qualcosa che distingue un rapporto autentico da uno fondato solo all’interesse.

Uno studio ha evidenziato i punti salienti di un vero rapporto di amicizia. Il primo è definito come il bene irrazionale.

Un sentimento capace di resistere al tempo, alla lontananza, anche ai litigi e agli screzi tra due persone.È presente, e non si riesce a spiegare con tanti ragionamenti. C’è, è così.