Lascia morire di fame il figlio di 3 anni: corpicino ritrovato dentro una scatola di giocattoli

Una vera e propria casa degli orrori quella che si sono ritrovati davanti i poliziotti intervenuti per vedere cosa fosse successo al piccolo Roman Barreras. Martin Barreras il padre e Raquel Barreras sono stati condannati per l’omicidio del piccolo bimbo di 3 anni. I due genitori, forti dipendenti di vari tipi di droghe,

non avevano mai prestato attenzione a quel bambino che era entrato nelle loro vite qualche anno fa. Addirittura nonostante amici e parenti avessero provato a persuaderli per poter sfamare o comunque giocare con il pargolo non avevano permesso a nessuno di avvicinarsi.

Una volta trovato morto, riferisce il New York Post, Martin e Raquel avrebbero messo i resti scheletrici del corpicino dentro uno scatolone dei giocattoli. Questa scatola è stata trovata a marzo 2014 da alcuni netturbini.

Nel frattempo la famiglia Barreras si era anche trasferita in una nuova casa. Pochi giorni fa è arrivata la condanna e soprattutto il caso è stato chiuso:

entrambi i genitori sono stati responsabili della morte, avvenuta per stenti avrebbe successivamente riportato l’autopsia, del piccolo Roman Barreras. Molti testimoni avrebbero riferito anche che i Barreras avevano una camera dentro la prima casa, prima del trasferimento, in cui solevano seviziare e torturare il proprio bambino.

Di questo genere di torture non si è però parlato in ambito processuale, per ora ciò che è sicuro è che Roman sia morto per i morsi della fame.