Le più grandi paure dell’uomo: la morte, la suocera e… LE BALLERINE

In questi ultimi giorni ho fatto tantissime ricerche online per capire una volta per tutte il motivo dell’odio assoluto di alcuni uomini per le ballerine, e ancora non ho ottenuto una risposta valida; quelle più gettonate sono “le odio e basta”, “vi fanno camminare male”, “non so spiegare perché ma mi fanno schifo”: ma si può detestare una cosa senza sapere perché!? In realtà sì, mi è appena venuta in mente una lunga lista di cose che mi disgustano ma sono tutte presenze evidentemente orrende, tipo gli scarafaggi, i capelli nel piatto e gli uomini con i sandali indossati con i calzini. Non serve approfondire, fanno schifo e basta ed è universalmente noto.

Ma quanti di voi sarebbero disposti a inserire le ballerine nella stessa lista? Quello che mi stupisce è la generalizzazione assoluta, posso capire che i modelli rosa con il fiocchetto non siano il massimo della consapevole sensualità adulta, ma ormai esistono tanti modelli meno infantili, come le Rockstud di Valentino, le Belgravia di Aquazzura e le lace up di Isabel Marant. Eppure il commento maschile è sempre lo stesso, fanno schifo, punto.

Le sneakers vanno bene, i sandaletti bassi anche, ma le ballerine per molti sono “l’anti sesso fatto scarpa“, quindi non è soltanto questione di altezze, il tacco è più sexy e non c’è nemmeno bisogno di dirlo; nella mia analisi però non voglio fare paragoni perché è palese che siano modelli completamente diversi da indossare in contesti altrettanto differenti, ma bisogna ricordare che esistono donne che non sono interessate ad essere “sexy” 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ed esistono donne alte che si sentono a disagio con i tacchi, donne con il mal di piedi, e ancora donne che amano tutte le scarpe e apprezzano anche lo stile casual chic delle tanto odiate ballerine: io faccio parte dell’ultima categoria, ho fatto outing da poco perché per anni mi sono sentita dire che “una” con un blog di scarpe non può mettere le ballerine in pubblico, tanto meno nel SUO spazio web. E ci ho creduto. Sì, in passato non ero particolarmente intelligente, potete dirlo tanto non mi offendo.

E invece oggi lo scrivo chiaro e tondo: mi piacciono le ballerine e mi piacciono le porn shoes, non mi sento meno donna senza tacchi e pur riconoscendo il meraviglioso potere dello stiletto ho smesso di esserne schiava, perché dipendere da un oggetto per sentirsi meglio mi sembra triste. Lo stesso discorso vale per il trucco, alleato fidato che uso tutti i giorni, perché mi va di farlo; se non mi andasse non lo farei, non sono esattamente il tipo che fa cose controvoglia, ma ormai lo avrete capito.

Dai miei recenti sondaggi è però anche emerso che il mondo è pieno di feticisti delle ballerine, tutti accomunati dall’idea che siano “scarpe facili” indossate da donne che sono quindi automaticamente più docili, accomodanti e pacifiche delle virago in tacco 12: MA CHE DAVVERO?! Rispetto la libertà di pensiero di chiunque ma se credete a questa cosa scrivetemi in privato il vostro indirizzo così posso venire a dimostrarvi personalmente che so essere una iena anche in ballerine!

E sempre dalle mie ricerche ho scoperto tanti esemplari dei miei uomini preferiti, quelli che in maniera serafica e con estrema eleganza se ne fregano; riconoscono il valore di un tacco alto, la sensualità di una camminata appena ondeggiante e la raffinata femminilità dei nostri atteggiamenti, ma allo stesso modo non hanno un costante bisogno di essere stimolati con immagini così dirette, perché sanno che la seduzione va ben oltre l’apparenza ed è un gioco ben più raffinato di così. E voi da che parte state?