in

Mamma aggredita sull’autobus: “Picchiata davanti al figlio in passeggino”

L’ultimo episodio arriva ancora da Milano, dove una signora di una certa età ha strattonato e minacciato una mamma straniera col velo fino a farla scendere dall’autobus col suo passeggino. Prima ancora lavoratori stranieri in una nota pizzeria sempre del capoluogo regionale erano stati costretti ad alzare le braccia per farsi spruzzare deodorante sotto le ascelle.

Ma tutto era iniziato da Monza, dove la cliente cinese di un supermercato era stata ingiuriata e ridicolizzata a sua insaputa. Il minimo comun denominatore? Tutti questi episodi sono stati immortalati in altrettanti video, poi divenuti in un battito di ciglia virali in Rete.

Una settimana nera, insomma, in Lombardia, sul fronte delle discriminazioni. E se sull’ultimo episodio del pullman ancora non è chiarissimo il perché della furia cieca, inquietanti i precedenti in pizzeria e al supermercato…

(tanto che entrambe le catene, di grande distribuzione e ristorazione, hanno ufficialmente preso posizione in maniera dura, condannando gli episodi).

Ad ogni modo, una cosa è certa: la donna anziana non si è fermata neanche davanti alla presenza dei bambini. Ha continuato a gridare, usare parole forti e persino tirare uno schiaffo alla ragazza che, come unica “colpa”, aveva quella di voler prendere i mezzi pubblici, così come suo diritto, con il passeggino.

Non farmi girare i coglioni, scendi subito, ti do una sberla”, rincara la dose l’anziana, aprendo la mano come per darle uno schiaffo. Non è tutto: qualcuno da dietro le urla: “Vai giù, te e il tuo passeggino”. L’anziana perde le staffe e prende il passeggino, fa per tirarlo giù dal mezzo, ma la ragazza si oppone.