Marisa, accoltellata al cuore nel garage di casa dall’ex: «L’aveva minacciata più volte». Grave anche la sorella

L’ha aspettata in garage e poi l’ha accoltellata a morte. Una donna di 25 anni, Marisa Sartori, è stata uccisa e sua sorella è rimasta gravemente ferita ieri sera a Curno (Bergamo): l’autore dell’omicidio e del tentato omicidio sarebbe l’ex compagno della giovane, Arjoun Ezzedine, di 35 anni, un tunisino già fermato dai carabinieri. La coppia si era divisa da poco.

Dai primi accertamenti sembra che la donna sia stata uccisa con una coltellata al cuore. L’uomo l’avrebbe aspettata sotto casa, nel garage, per poi colpirla a morte. Sul posto i carabinieri di Curno e del reparto operativo di Bergamo.

L’episodio è avvenuto in un complesso residenziale di una quarantina di appartamenti comunali di via IV Novembre, al civico 23. L’uomo avrebbe atteso la donna, dalla quale si era ormai separato, e l’avrebbe affrontata nel garage sotto casa. Con lei c’era la sorella, ora grave all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dov’è stata portata con l’ambulanza del 118.

Vani invece i soccorsi per la 25enne. Un agguato, dunque, pare dettato da motivi passionali: l’uomo non accettava la fine della relazione con la donna. Secondo quanto riferito da un parente della giovane donna uccisa «Arjoun l’aveva minacciata più volte e lei l’aveva denunciato. Sapevo che sarebbe finita così».

Sul posto è giunto anche il sindaco Luisa Gamba. Si tratta della seconda donna uccisa in un garage in provincia di Bergamo in due settimane: giovedì 17 gennaio, in un box di Gorlago, era stata ammazzata Stefania Crotti, 42 anni, presa a martellate da Chiara Alessandri, 43, ex compagna di suo marito ora in carcere a Brescia.