in

McDonald’s, trovati resti di feci e batteri sui touchscreen

Scandaolosa scoperta quella fatta dalla London Metropolitan University: presenti batteri come Stafilococco, Listeria e Klebsiella.

Uno studio approfondito portato avanti dalla London Metropolitan University, con l’aiuto del sito Metro.co.uk, ha portato ad un’orribile scoperta: residui di feci e numerosi batteri pericolosi sono presenti in tre casi su quattro sui touchscreen dei fast-food McDonald’s. La catena americana di ristoranti si ritrova ora sommersa da un polverone di critiche e polemiche. Un portavoce di McDonald’s ha già replicato all’accusa: “I nostri apparecchi vengono puliti e igienizzati con continuità“.

I touchscreen e l’indagine

Il più famoso dei fast-food è sempre stato all’avanguardia e ha sempre cercato di sconfiggere la concorrenza spietata dei rivali. Una delle ultime idee per migliorare l’esperienza del cliente è stata quella di velocizzare l’attesa del cliente. Proprio quest’intenzione ha portato il management di McDonald’s a inserire delle casse automatiche sotto forma di enormi touchscreen. La trovata è stata geniale ed ha funzionato alla grande. Quest’ultimi sono così tanto utilizzati che hanno spinto alcuni studiosi inglesi ad aprire un’indagine sulla pulizia di essi.

Gli scienziati hanno collezionato tamponi in otto ristoranti McDoonald’s in Inghilterra (più precisamente sei a Londra e due a Birmingham).

I risultati dell’indagine sono sconvolgenti: essi hanno rilevato la presenza di feci umane e di topi sugli schermi: in particolare è stato trovato il batterio Proteus, che solitamente si accosta ad esse. Inoltre, è stata travata anche la Listeria, altro batterio molto pericoloso, che può causare la listeriosi e portare all’aborto le donne che la contraggono. In alcuni tamponi sono stati trovati lo stafilococco e la Klebsiella, che possono portare infezioni gravissime come la polmonite.

Le parole del responsabile dell’indagine, il dottore Paul Matawele, sono: “Siamo molto sorpresi di aver trovato tanti batteri intestinali e fecali. I touchscreen sono sempre più utilizzati, ma questi risultati consigliano di non mangiare direttamente dopo averli toccati, perché sono antigienici e diffondono malattie“.