Moglie sorprende il marito a violentare la figlia di 5 anni: “è più brava di te, specchiati”

Sorpreso dalla moglie a violentare la figlia di 5 anni: “Le sto insegnando, è più brava di te”
L’uomo, denunciato solo dopo decenni per paura di ritorsioni, è stato condannato ora da un tribunale australiano. Le violenze sono iniziate quando la figlia aveva solo 5 anni ma sono proseguite fino all’adolescenza nella casa di famiglia vicino Brisbane.

Sorpreso in casa sua dalla moglie mentre violentava la loro figlia di soli 5 anni, per tutta risposta ha minacciato la donna di morte, arrivando ad insultarla e a dirle con disprezzo “Le ho solo insegnato come si fa ed è più brava di te”. L’orribile storia di abusi arriva da Brisbane, in Australia, dove ora un Tribunale locale ha condannato l’uomo obbligandolo a pagare a sua figlia quasi un milione di dollari di risarcimento.

Le violenze risalgono agli anni ’70 quando la vittima, ora adulta, era appena una bimba e sono andate avanti per anni nel chiuso dell’abitazione famigliare vicino a Brisbane. Per anni però la ragazzina non ha avuto il coraggio di opporsi e di denunciare il genitore che in casa aveva instaurato una sorta di regno del terrore.

Come ricostruito durante il processo presso il tribunale distrettuale di Brisbane, infatti, l’uomo, ora anziano, minacciava continuamente la figlia e la madre di morte, promettendo che le avrebbe uccise entrambe insieme agli altri figli se fossero andate a denunciare tutto alla polizia.

La vittima delle violenze ha raccontato che era così terrorizzata da suo padre che per lungo tempo ha preferito dormire sotto la loro casa loro a Toowoomba o in macchina per evitarlo. Un incubo che dura ancora oggi visto che a causa delle violenze soffre di numerosi disturbi psichici come ansia, depressione, incubi e stress post traumatico.

Non ha detto alla polizia degli abusi fino al 2014, quando finalmente l’uomo è stato indagato. La giuria del primo processo però non è stata in grado di raggiungere un verdetto sul caso nel 2016, costringendo la donna ad affronatre un nuovo procedimento giudiziario