Morto a 108 anni Georges Loinger: salvò dallo sterminio mille bambini ebrei, ecco la sua storia

Georges Loinger, ex partigiano francese, ebreo alsaziano, eroe e decano della Resistenza antinazista, che ideò la nave Exodus grazie alla quale vennero tratti in salvo migliaia di ebrei sopravvissuti alla Shoah, è morto ieri a Parigi all’età di 108 anni.

Nato a Strasburgo il 29 agosto 1910 da una famiglia di ebrei ortodossi, entrato da giovane nel movimento sionista dell’Hatikvah, Loinger fu imprigionato durante la seconda guerra mondiale nella foresta di Haguenau e fu deportato nei campi di lavoro nazisti in Germania.

Dopo una fuga rocambolesca si unì alla Resistenza nella rete dei partigiani in Borgogna. Tra il 1943 e il 1944 riuscì a salvare più di mille bimbi ebrei dalla persecuzione nazifascista, prendendo attivamente parte alle attività clandestine dell’Oeuvre de secours aux enfants, portandoli in sicurezza in Svizzera.

Al termine della Seconda Guerra Mondiale Loinger fu coinvolto nella celebre vicenda di Exodus, la nave salpata nel 1947 alla volta della Palestina, all’epoca sotto il mandato britannico, per condurre in quello che di lì a poco diventerà lo Stato ebraico 4.500 reduci della Shoah.

La storia è stata raccontata nel memorabile film “Exodus” (1960), diretto da Otto Preminger e interpretato come protagonista principale dall’attore Paul Newman.

Presidente dell’Association de la Résistance juive de France, per i suoi alti meriti umanitari, Loinger è stato insignito tredici anni fa della Legion d’onore della Repubblica e fu ricevuto nel 2013 dal presidente israeliano Shimon Peres durante un viaggio in Israele.