Non puo più fare sesso e il marito la lascia: ” Ho un cancro all’utero!”

Le diagnosticano un cancro all’utero: il marito la lascia perché non può avere rapporti

Jessica Shaw non si aspettava mai una reazione del genere da parte di sua marito. La donna, originaria di York in Gran Bretagna, ha scoperto di avere un cancro all’utero. Ovviamente, com’è solito fare in questi casi, si è dovuta sottoporre ad un delicato intervento chirurgico. L’isterectomia, ovvero l’asportazione dell’utero.

In un’intervista al Mirror, Jessica Shaw ha detto di non aver avuto più relazioni sessuali con un uomo “per due anni”.
E nonostante abbia sconfitto la malattia, la 30enne inglese è ancora troppo “spaventata”. L’infermiera e madre di quattro figli, originaria di York, ha detto anche che il cancro ha interrotto la sua ultima relazione limitando la sua vita amorosa.

“Il sesso è sempre stato una parte importante della mia vita”, ha detto. “Non c’è dubbio che quella diagnosi abbia condizionato tutto ciò”.
In seguito alla scoperta di un tumore all’utero. Ma ha subìto anche l’abbandono da parte del suo compagno di vita. Oltre al danno anche la beffa. Suo marito, infatti, traumatizzato dalla conseguenze di questo intervento ha deciso di lasciarla. “Quando sono andata a casa e gli ho detto del cancro, mi ha detto che non potevamo andare avanti. Il cancro per lui significava non avere più rapporti intimi”, dichiara Jessica.

“Mi aveva promesso il mondo e pensavo che mi avrebbe supportato anche con questo. Ma quando sono andata gli ho detto del cancro, mi ha guardato e ha detto che non potevamo più andare avanti. Il cancro significava non avere più rapporti sessuali” spiega. “Non l’ha mai detto direttamente, ma penso che la sua decisione fosse legato a questo aspetto. Inizialmente, ero arrabbiata, ma non lo biasimo più.”
L’isterectomia è una tecnica chirurgica che comporta l’asportazione dell’utero.

Può anche comportare la rimozione della cervice, delle ovaie, delle tube di Falloppio e di altre strutture circostanti. Generalmente eseguita da un chirurgo ginecologo, l’isterectomia può prevedere la rimozione dell’intero utero (quindi di corpo, fondo, collo dell’utero; si parla in questo caso di isterectomia totale) oppure essere parziale (rimozione del corpo uterino lasciando intatta la cervice; si parla allora di isterectomia sopracervicale o isterectomia subtotale.