Nuovi guai per Brumotti: preso a bottigliate a Monza

Brumotti in stazione a Monza per documentare le condizioni del piazzale di fronte allo scalo ferroviario del capoluogo brianzolo. Ma il suo “show” non è finito bene. Per poco, nel lancio di bottiglie di vetro e sassi non ci rimetteva anche un agente di Polizia locale.

Si trovava a Monza per girare uno dei suoi (ormai famosi) documentari tra le piazze dello spaccio italiane. Vittorio Brumotti, conduttore televisivo e campione di bike trial, non è passato inosservato ieri sera, poco dopo le 19, in via Arosio, di fronte all’ingresso principale dello scalo ferroviario della città di Teodolinda.

In compagnia della sua bicicletta, dopo aver effettuato qualche “trick”, è stato aggredito. La sua presenza, infatti, e quella del suo staff, deve aver infastidito alcuni dei soggetti che quotidianamente

si danno appuntamento di fronte alla stazione. In pochi minuti la situazione è diventata pericolosa, non solo per Brumotti, ma anche per i pendolari che si recavano

sulle banchine in attesa dei treni, e pure per le Forze dell’ordine presenti. Dopo qualche insulto, infatti, è partita una vera e propria sassaiola. Ma non solo. Gli aggressori hanno iniziato a lanciare bottiglie di vetro. Una di queste ha sfiorato un agente di Polizia locale del Comando di via Marsala.

Fortunatamente, secondo quanto si apprende, nessuna delle persone coinvolte è rimasta ferita in modo serio. Foto e video Bennati.