in

“Papà, a scuola mi chiamano cacca”, una settimana dopo il servizio

Le immagini di una bimba di quattro anni stanno facendo il giro del web. “Papà, perché sono nata tutta scura? A scuola mi dicono cacca”.

Sta facendo il giro del web il video pubblicato su Facebook da un utente nella provincia di Napoli. Sua figlia, una bimba di quattro anni di padre italiano e mamma ghanese, chiede, con una dolcezza disarmante, perché i suoi compagni di scuola le dicano cose che per lei sono fuori dal mondo.

Insulti, riferiti al colore della sua pelle, che non possono fare altro che generare in lei un unico desiderio: “Non voglio tutto marrone, voglio essere bianca come gli altri bambini”.

“Mai avrei voluto pubblicare un video del genere – scrive il papà, gestore di un bar nella provincia di Napoli – ma da padre ho il dovere di farlo. Sia chiaro, non è un’accusa ai bambini nominati che non hanno colpe. È un modo per far capire agli adulti il male che possiamo causare con la nostra superficialità. La storia andava avanti almeno da un anno – dice il papà – il collegamento ‘cacca-pelle scura’ l’ha fatto lei da sola, è molto sensibile. Devo dire che le maestre dopo che hanno visto il video si sono commosse e hanno fatto una riunione in classe”.

Una settimana dopo il clamore mediatico che il caso ha suscitato in tutti, la situazione è migliorata. I bambini sono stati richiamati, il minimo che si potesse fare, mentre la piccina dopo il servizio de Le Iene è molto più serena e consapevole di se stessa. Le auguriamo tutto il meglio che la vita possa offrire, è fantastica e può diventare, insieme alla sua famiglia, un esempio per tutti.