Quali sono i sintomi del tumore al colon, ecco i 5 principali sintomi del cancro al colon

Quali sono i sintomi del tumore al colon, ecco i 5 principali sintomi del cancro al colon. I sintomi del cancro del colon-retto sono: 1- presenza di sangue (di colore rosso chiaro oppure scuro) nelle o sulle feci; 2- modificazione dell’attività intestinale (costipazione o diarrea) senza motivo per più di sei settimane; 3- perdita di peso senza motivo; 4- dolore localizzato all’addome o all’ano; 5- sensazione di svuotamento incompleto dell’intestino dopo l’evacuazione. Talvolta anche un senso di spossatezza può essere un sintomo di malattia. Ciò succede nei casi in cui il tumore causa un sanguinamento, inducendo in tal modo una condizione di anemia, che, a sua volta, può causare una sensazione di mancanza di respiro.

In alcuni casi il tumore può determinare il blocco o l’ostruzione dell’intestino, che si manifestano con nausea e vomito, costipazione, dolore localizzato all’addome e sensazione di pienezza. Anche se questi sintomi possono essere causati da altre condizioni patologiche è molto importante recarsi sempre dal medico per un controllo. I tumori del colon-retto sono più frequenti nelle persone di età superiore a 50 anni, mentre sono più rari nelle persone più giovani. Per tale motivo i sintomi descritti possono essere indicativi di altri disturbi.

Se i disturbi intestinali non migliorano nel giro di qualche settimana o addirittura peggiorano, consultate uno specialista, che vi sottoporrà a tutti gli accertamenti che riterrà più opportuni per scoprire la causa.

Le probabilità di guarigione aumentano considerevolmente se la malattia è diagnosticata e, di conseguenza, trattata, quando è ancora in uno stadio iniziale. In Italia è stato messo a punto un apposito programma di screening per la diagnosi precoce del cancro del colon-retto che le autorità sanitarie stanno progressivamente estendendo a tutto il paese.

Tutti gli uomini e le donne di età compresa tra 50 e 69 anni possono sottoporsi gratuitamente all’Hemoccult test per la ricerca del sangue occulto nelle feci ogni due anni. Gli individui di età più avanzata non sono invitati a sottoporsi al test, ma possono richiederlo con analoga periodicità. L’Hemoccult non serve per diagnosticare la malattia, bensì per accertare se nelle feci sono presenti tracce, anche minime, di sangue che

sono invisibili ad occhio nudo (non a caso si parla di ricerca del sangue ‘occulto’, ossia ‘nascosto’), perché i tumori e i polipi intestinali talvolta possono sanguinare. Se il risultato è positivo, ossia se sono presenti tracce di sangue occulto nelle feci, la persona è invitata a sottoporsi alla colonscopia per accertare la causa del sanguinamento attraverso l’osservazione diretta delle anse intestinali.