Record nel reparto maternità dell’ospedale, nove infermiere incinte in contemporanea

Le nove donne lavorano nello stesso reparto di maternità della stessa struttura ospedaliera di Portland, negli Stati Uniti. “È bello lavorare e condividere l’esperienza che stiamo vivendo insieme alle pazienti” hanno spiegato le dirette interessate. Dall’ospedale assicurano che non ci saranno problemi di organico al momento dei parti.

In tutti i reparti maternità degli ospedali ovviamente si è abituati a trovarsi di fronte un grande numero di gravidanze e neonati in sequenza ma quanto accaduto in un ospedale statunitense di Portland è decisamente singolare. In pochi mesi infatti ben nove infermiere della stessa struttura hanno scoperto di essere incinte e ora stanno portando avanti la loro gravidanza in contemporanea. Sono tutte addette al reparto maternità dell’ospedale.

La loro storia è diventata virale online dopo che una delle infermiere in stato di gravidanza, Brittney Verville, ha pubblicato su Facebook la foto di otto di loro allineate all’esterno dell’unità in cui lavorano, con in mano i referti della gravidanza. L’ospedale ha subito rilanciato l’immagine facendo pubblicamente le congratulazioni e sono arrivate altre foto e interviste.

“È davvero bello venire a lavorare e vedere altre persone incinte mentre osservano il tuo pancione e parlare di questa esperienza che stiamo vivendo insieme” ha commentato l’infermiera Amanda Spear.

“È confortante sapere che ci prenderemo cura a vicenda quando sarà il momento” ha dichiarato invece un’altra delle infermiere del Maine Medical Center di Portland. I parti, che sono previsti nel giro di quattro mesi tra la primavera e l’estate, infatti avverranno proprio nella struttura che ha salutato l’evento come un baby boom.

A chi faceva notare i possibili problemi di organico in quel periodo, sopratutto pazienti preoccupati, l’ospedale ha assicurato che non ci saranno buchi perché la struttura è già organizzata e a conoscenza delle assenze per i lieti eventi e sostituirà il personale mancante.