in

Rimossa statua di Colombo a Los Angeles: “Causò il più grande genocidio della storia”

“Fu personalmente responsabile di diverse atrocità, le sue azioni hanno messo in moto il più grande genocidio della storia”. Con questa motivazione Mitch O’Farrell, consigliere comunale di Los Angeles, ha spiegato la rimozione di una statua di Cristoforo Colombo dal centro della città. “La sua immagine – ha detto O’Farrell – non dovrebbe essere celebrata da nessuna parte”.

Secondo gli organizzatori della cerimonia circa 100 persone, armate di telefoni cellulari, si sono riunite sabato mattina a Grand Park per assistere alla rimozione della statua, che per 43 anni ha svettato in una delle piazze del parco.

“Cristoforo Colombo – ha scritto O’Farrell in una serie di tweet – non ha ‘scoperto’ l’America poiché non ha mai raggiunto le coste del Nord America e c’erano milioni di indigeni che già vivevano qui. Il genocidio delle popolazioni indigene durante la colonizzazione delle Americhe è durato secoli. Oggi, le statue di Colombo sono considerate segni di oppressione”.

La scultura, donata alla città da un’associazione italiana nel sud della California, era da tempo nel mirino della comunità dei nativi americani di Los Angeles. Lo stesso O’Farrell è un discendente della tribù Wyandotte dell’Oklahoma.