Sciarelli contro Sfera Ebbasta a Chi l’ha visto?: “E’ responsabile dei messaggi che manda”

Anche Chi L’ha Visto?, nella puntata di mercoledì 13 dicembre, si è occupato abbondantemente della tragedia di Corinaldo. Dopo aver dato voce ai genitori dei ragazzi minorenni che erano presenti alla Lanterna Azzurra in attesa del concerto di Sfera Ebbasta e dopo aver fatto sentire alcuni audio “rubati” (probabilmente attribuibile al figlio del gestore della discoteca che dice di aver stampato seimila prevendite), la conduttrice Federica Sciarelli ha voluto dire la sua sul trapper più chiacchierato del momento.

“Ovviamente noi pensiamo che non è che l’artista ha colpa di quello che succede, forse non sapeva neanche di tutti questi biglietti che venivano venduti. L’artista può dire quello che gli pare, non c’è nessun tipo di censura per carità, e non è responsabile se qualcuno va con lo spray al peperoncino.

Sicuramente però l’artista è responsabile dei suoi messaggi culturali perché ci mette la faccia come in questa compilation che vi facciamo sentire dove lui mette la sua faccia”, ha detto. Dunque è stato trasmesso un estratto della controversa Hey Tipa, pubblicata nel 2016 e cantata in duetto con Gordo. Le frasi estrapolate:

“Io non lo so cosa ti faccio / Però mi cerchi lo so che ti piaccio / Sono una merda ragiono col ca*zo / Oggi ti prendo e domani ti lascio / Hey tipa, vieni in camera con me / E portati un’amica po-portati un’amica / Dico: hey tro*a, vieni in camera con la tua amica por*a / Quale?

Quella dell’altra volta / Faccio paura, sono di spiaggia / Vi faccio una doccia, pina colada / Bevila se sei veramente grezza, sputala / Poi leccala leccala / Limonatevi mentre Gordo recca / Gioco a biliardo, con la mia stecca / Solo con le buche, solo con le stupide / ‘Ste pu*tane da backstage sono luride / Che simpaticone vogliono un ca*zo che non ride / Sono scorcia-tro*e”.

“Noi che ci occupiamo tanto di questi delitti, corpi occultati e scomparse – ha continuato la Sciarelli con la sua riflessione – certamente siamo rimasti colpiti da questo video di Sfera Ebbasta, dove c’è una donna che viene uccisa e poi viene occultato il suo corpo. Una provocazione? Giudicate voi”. Il video incriminato è quello di Visiera a Becco del 2016.