Scopre il fidanzato a letto con la sua migliore amica, li prende a calci e pugni

Una ragazza ha trovato il compagno in atteggiamenti intimi con la sua migliore amica a Capodanno: “Erano nudi, uno sopra l’altro”. La ragazza li ha presi a schiaffi e pugni. Iniziare l’anno con la scoperta del tradimento da parte del proprio fidanzato.

E’ quanto successo ad Abigail Cannings, 22enne di Plymotuh (città portuale della contea di Devon, nel sud-ovest dell’Inghilterra). La ragazza, come riferisce il Sun, ha trovato il compagno, il 25enne Ross Portsmouth, a letto con la sua migliore amica: “Erano nudi, uno sopra l’altro”.

E dire che le cose tra i due sembravano andare a gonfie vele, almeno nella prima fase della loro storia come raccontato a Fabulous Digital: “All’inizio la nostra relazione è stata fantastica. Eravamo entrambi così innamorati l’uno dell’altro, e la vita era perfetta“.

La passione aveva spinto Abigail e Ross ad andare a vivere insieme nonostante si conoscessero da poco (grazie a un’amicizia in comune). Tutto pareva davvero filare per il verso giusto quando a Capodanno il ragazzo ha confidato alla sua compagna di non essere sicuro di stare con lei e di proseguire la relazione.

La ragazza, affranta, ha così deciso di correre dalla sua migliore amica: “Era sempre stata la spalla sulla quale piangere”. Ma Emily (nome di fantasia) non era in casa: “Quando ho chiesto a sua madre dov’era, mi ha detto che Emily era da me”. Una volta tornata a casa Abigail ha trovato Ross festeggiare insieme ai suoi amici: ha deciso di unirsi ai festeggiamenti mettendo da parte la precedente discussione.

Poco dopo la mezzanotte Ross ed Emily si sono però allontanati: “Ho continuato a bere con i miei amici, fino a quando ho capito che erano le quattro del mattino e Ross non era ancora tornato in salotto. Sono andata nella nostra camera da letto e quando ho aperto la porta, ho trovato Ross ed Emily nel nostro letto insieme“. Abigail, scioccata, si è in seguito addormentata sul divano. Il mattino successivo gli amanti hanno provato a giustificarsi spiegando che erano ubriachi ma la 22enne non ha voluto sentire ragioni: “Ho urlato contro di loro, li ho schiaffeggiati e presi a pugni. Gli ho detto infine di non parlarmi mai più”