in

Stefano De Martino: “Lo faccio solo per i soldi”

Prima allievo di Maria De Filippi, poi ballerino professionista, infine conduttore. La scalata verticale di Stefano De Martino nel mondo della televisione (a partire dal talent che l’ha lanciato, Amici) è sotto gli occhi di tutti. E con una carriera che passa per alcuni dei programmi più visti della tv italiana, una soap opera con Emma Marrone consumata a mezzo stampa e un matrimonio con la donna mediaticamente più influente dei media italiani, pensarlo solo come un ballerino non è più possibile.

Stefano De Martino è uno degli uomini del momento, ma fama e popolarità sono soltanto una fase. Almeno a sentire lui che, volendo, potrebbe iniziare a fare il gommista già da domani. Intervistato da Vanity Fair, De Martino ha chiarito che l’unica ragione che lo spinge a stare in televisione è il denaro:

Faccio questo lavoro per soldi. Se domani scoprissi che vendere gomme all’ingrosso mi fa guadagnare di più e vivere bene, io farei molto volentieri a meno della fama. Mi diverte, riesco a gestirla, ci convivo tranquillamente. Ma se domani tornassi nell’anonimato più totale, non avrei nessun problema. Anzi, per me non è una cosa essenziale. Io ho iniziato a fare questo lavoro per esigenza, e non per voglia”.

Letteralmente inseguito dai paparazzi, con un figlio che è già finito in copertina innumerevoli volte e con una vita privata che di privato, ormai, ha ben poco, De Martino si direbbe felice di rinunciare a tutta questa popolarità.

Un mestiere completamente diverso da quello del ballerino che, invece, veniva fatto con passione e amore ma che, a sentire Stefano, non gli garantiva lo stesso tenore di vita che la tv gli consente. Infine De Martino è passato alla questione fan. Immancabili i cori “sei bellissimo” ogni volta che, senza maglietta, il ballerino entra in scena. Ma quanto può essere frustrante essere acclamati per i pettorali piuttosto che per le abilità costruite con una vita di sacrifici?

Mi rendo conto che per molte persone sono un pezzo di carne che si muoveCi gioco con questa consapevolezza, do al pubblico ciò che vuole. Perché so di avere anche tante altre sfaccettature. La pelle, sui social, è quello che paga di più. Ma io ho un’ottima empatia con la mia fan base, sa capire quello che posto, e sa apprezzare anche il mio punto di vista sulle cose, piuttosto che me stesso come oggetto delle foto”.