in

Strage al concerto, il racconto di un padre: “Ecco cosa è successo, mio figlio vivo per miracolo”

Il racconto del papà di un ragazzino, al sito web FanPage, che era al concerto del rapper nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo: “Un ragazzo nel corso di un principio di rissa ha spruzzato uno spray urticante. Mio figlio e i suoi amici sono stati fortunati perché la corriera che avevano preso per andare al concerto ha fatto tardi ed è arrivata poco prima che il fatto succedesse e quindi non hanno fatto neanche in tempo ad entrare”.

“Mio figlio è sotto choc, vedeva gente uscire con le gambe rotte, attorno al locale, che è in campagna, è tutto completamente buio”. Emergono i dettagli e le prime testimonianze sulla strage nella discoteca di Ancona dove sei persone sono morte prima del concerto di Sfera Ebbasta.

Ad innescare un fatale fuggi fuggi generale potrebbe essere stato l’utilizzo di uno spray al peperoncino nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo. Durante la trasmissione di Radio Rai 2, I Lunatici, è intervenuto il papà di uno dei ragazzini che era presente al momento della tragedia. Il papà ha raccontato in diretta quei momenti:

“Mio figlio e i suoi amici sono stati fortunati perché la corriera che avevano preso per andare al concerto ha fatto tardi ed è arrivata poco prima che il fatto succedesse e quindi non hanno fatto neanche in tempo ad entrare”.

“Un ragazzo – ha spiegato ai conduttori Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio – nel corso di un principio di rissa ha spruzzato uno spray urticante. Dice mio figlio che nel locale c’erano migliaia di persone, quando sono arrivato a prendere mio figlio e i suoi amici c’erano ancora dei ragazzi in giro per i campi che circondano la discoteca, spaventati e spauriti. C’era una mamma che cercava la figlia, perché c’erano anche ragazzine di dodici, tredici anni, accompagnate dai genitori”.

“L’ingorgo mortale – spiega il papà – si è creato all’interno della scalinata che c’è all’ingresso del locale. Entrare ed uscire è molto difficile. La rissa è scoppiata dentro la discoteca, chi ha usato lo spray urticante sarebbe stato già individuato”.