Terremoto, sciame sismico ed esplosioni sull’Etna: eruzione di Natale del vulcano

In una sola ora i sismografi dell’Ingv hanno registrato ben quattro scosse superiori a magnitudo 3. La più forte ha ha avuto intensità pari a magnitudo 3.9. Da questa mattina ben nove scosse superiori a magnitudo 2.5, sempre con epicentro sull’Etna, nella città metropolitana di Catania. Tuta colpa di una nuova eruzione del vulcano che ha lasciato nei cieli una lunga nube di fumo.

Terremoto, sciame sismico ed esplosioni sull’Etna: eruzione di Natale del vulcano
In una sola ora i sismografi dell’Ingv hanno registrato ben quattro scosse superiori a magnitudo 3. La più forte ha ha avuto intensità pari a magnitudo 3.9. Da questa mattina ben nove scosse superiori a magnitudo 2.5, sempre con epicentro sull’Etna, nella città metropolitana di Catania. Tuta colpa di una nuova eruzione del vulcano che ha lasciato nei cieli una lunga nube di fumo.

La terra continua a tremare in Sicilia dove nella mattinata di lunedì 24 dicembre uno sciame sismico ha colpito il parco dell’Etna, nel Catanese, con una serie di scosse di terremoto di intensità superiore a magnitudo 3.

Quella più violenta è stata registrata dai sismografi dell’Ingv poco dopo le 12 e ha avuto intensità pari magnitudo 3.9 della scala Richter. Secondo i rilievi dell’Istituto di geofisica e vulcanologia, l’evento sismico ha avuto epicentro sulle pendici del vulcano con coordinate geografiche (lat, lon) 37.74, 14.97 ed ipocentro ad una profondità di 1 km. Nessun comune nel raggio dei dieci chilometri. A circa tredici chilometri invece i centri di Ragalna, Zafferana Etnea, Bronte, Milo e Maletto. Numerosi i comuni nel raggio di venti chilometri.

La scossa di terremoto è stata preceduta di circa mezz’ora da un altro evento sismico di intensità pari a magnitudo 3.5, localizzato ad una profondità di 1 km e con epicentro a 5 chilometri da Linguaglossa, sempre sull’Etna, con coordinate geografiche (lat, lon) 37.81, 15.11. La mattinata della Vigilia di Natale però è stata decisamente movimentata per la città metropolitana di Catania: in appena un’ora, dalle 9.59 alle 11.08 i sismografi dell’Ingv hanno registrato nella stessa zona ben sette scosse superiori a magnitudo 2.5. Le più intense alle 10.59 e alle 11.08 che hanno fatto segnare magnitudo 3.1. L’epicentro esattamente nello stesso posto, a circa 11 chilometri da Milo, sempre sull’Etna.

Le scosse sono state accompagnate da esplosioni e una nuova eruzione del vulcano che ha lasciato nei cieli una lunga nube di fumo come si vede dalle immagini scattate dai residenti. Al momento non si segnalano danni a persone o cose.