Trovata morta la ragazza 19enne incinta: “le hanno strappato il bimbo dal grembo”

Trovata morta 19enne incinta scomparsa 20 giorni fa: “Le hanno strappato il bimbo dal grembo”
Choc a Chicago, Stati Uniti, dove è stata trovata morta in un bidone dell’immondizia la 19enne Marlen Ochoa-Lopez, incinta al nono mese di gravidanza. La ragazza era scomparsa lo scorso 23 aprile. Ad ucciderla sarebbe stata una donna di 46 anni, che aveva conosciuto su Facebook, e che avrebbe le avrebbe strappato il bimbo dal grembo, rivendicandolo come suo.

Era scomparsa il 23 aprile scorso dalla sua casa alla periferia di Chicago, poi ieri, mercoledì 15 maggio, la tragica scoperta: è stata trovata morta in un bidone della spazzatura Marlen Ochoa-Lopez, 19 anni e incinta al nono mese del suo primogenito. Secondo gli inquirenti che indagano sul caso, la ragazza sarebbe stata strangolata da una donna di 46 anni che prima l’avrebbe uccisa e poi le avrebbe strappato dal grembo il feto, rivendicandolo successivamente come suo. Stando a quanto riferito dalla famiglia della vittima, la 19enne aveva conosciuto quella che sarebbe diventata la sua assassina su Facebook in un gruppo dedicato a giovani madri. Quest’ultima l’avrebbe attirata nella sua abitazione, nella zona di Scottsdale, con la scusa di regalarle dei vestiti per il suo bambino.

Era il 23 aprile scorso: la famiglia di Marlen ne ha denunciato la scomparsa e poche ore dopo la 46enne è arrivata una telefonata al 911 chiedendo aiuto per aver appena partorito a casa sua. Una vicina ha raccontato di averla vista sulla porta dell’abitazione con una maglietta sporca di sangue e con il bimbo in braccio nell’attesa che arrivasse un’ambulanza.

Addirittura, la donna ha lanciato una campagna di raccolta fondi online per mettere insieme il denaro necessario a coprire le spese del funerale del piccolo, dal momento che, scrive, “è molto malato e sta per morire”. Tuttavia, analisi successive hanno confermato che quel bambino non era suo, ma della 19enne e di suo marito, Yiovanni Lopez. Il neonato è ancora ricoverato in gravi condizioni, a causa dei danni cerebrali riportati, e respira ancora grazie alle macchina a cui è attaccato, avrebbe confidato una fonte al quotidiano Chicago Sun-Times.

Anthony Guglielmi, portavoce della polizia di Chicago, non ha aggiunto ulteriori dettagli sulla vicenda, se non che l’ipotesi che trova al momento più riscontri è che Marlen sia stata uccisa e poi le sia stato strappato il feto dal grembo con la forza. “Almeno 7 persone sono attualmente interrogate dai nostri agenti in relazione alla morte di Ochoa-Lopez.

Crediamo che tutti loro abbiano avuto un ruolo in questo indicibile atto di violenza”, ha aggiunto Guglielmi. “La mia famiglia è distrutta – è stato invece il commento di Yiovanni -. Mi hanno portato via la donna della mia vita. Spero che vengano presi i responsabili e che vengano puniti”.